Come il pensiero erotico aiuta la connessione emotiva

“Libertà e sicurezza sono due facce della stessa medaglia. Gli esseri umani richiedono entrambi e mettono molta pressione sulle proprie relazioni per mantenere un positivo equilibrio tra di loro. Negli ultimi decenni, l’esperienza occidentale di libertà e sicurezza è stata ad altalenassi come su un pendolo, oscillando verso il rischio e ricalibrandosi verso la sicurezza, avanti e indietro.

Il sesso controllato dalle nascite, il divorzio normalizzato, la tecnologia democratizzata e altro hanno contribuito a livelli di libertà senza precedenti. Di riflesso – e in assenza delle istituzioni tradizionali che un tempo governavano il comportamento, per quanto inadeguate possano essere state – ci siamo imposti misure di sicurezza per mantenere l’equilibrio sotto controllo. È il tipo di sorveglianza interna che il filosofo francese Michel Foucault ha chiamato “panottismo”. La sicurezza che gestisce la libertà può sembrare come sostituire il metallo con la gomma nei parchi giochi. Può anche sembrare la necessaria espansione della nostra comprensione e comunicazione intorno al consenso. Forse il miglior esempio, tuttavia, è la nostra continua ricerca per quantificare ogni aspetto della nostra vita attraverso app che tengono traccia di ciò che mangiamo, quanto dormiamo, per quanto tempo camminiamo e come usciamo.

Illustrazione di Apollonia Saintclair

Abbiamo a cuore la nostra libertà, ma imponiamo una struttura per regolarla. Apprezziamo la nostra sicurezza, ma la tranquillità può lasciarci desiderare di mistero e spontaneità, aspetti dell’erotismo che si estendono a tutti gli ambiti della vita. Nell’ultimo anno, mentre la pandemia di Covid-19 ha attanagliato il mondo, il pendolo che oscilla tra libertà e sicurezza si è spezzato dai cardini. Entrare in isolamento ha significato un’enfasi improvvisa ed estrema sulla sicurezza e un crollo della libertà che, quasi un anno dopo, continua a essere la norma. Per molti di noi, la nostra intensa attenzione alla sicurezza ha significato soffocare le cose che contribuiscono alla nostra esperienza erotica della vita: provare nuovi ristoranti, fare nuove amicizie, incontrare uno sconosciuto che diventa un amante.

È importante ricordare che l’erotismo non è intrinsecamente sessuale; è un’esperienza di vitalità che respinge la morte. E se mai c’è un tempo in cui bisogna contrastare la morte, sono questi momenti di crisi in cui l’ombra della morte è sempre presente.

Illustrazione di The Moon Bacon

La piattezza influisce sulla connessione emotiva

I molti di noi che hanno avuto il privilegio di poter rimanere a casa rapidamente hanno scoperto che, in un mondo di incertezza, potevamo solo controllare noi stessi. Abbiamo creato routine e rituali. Abbiamo pianificato i pasti. I nostri calendari erano pieni di chiamate di lavoro programmate con precisione e incontri video con amici e familiari. Abbiamo tracciato confini fisici. Lavorato al tavolo della cucina. Abbiamo cominciato con l’apprendimento a distanza nella tana. E ogni esperienza di perdita – la morte di una persona cara, il licenziamento, il desiderio martellante di un tocco irraggiungibile – ci ha fatto affondare ancora di più nel nostro bisogno di sicurezza. Appiattendo la curva, ci siamo anche appiattiti. Abbiamo raddoppiato le nostre procedure, sopportando la monotonia della routine, per una parvenza di sicurezza. Quante proteine ​​diverse possiamo cucinare in quanti modi diversi? Quante volte possiamo passare dal divano al letto al tavolo della cucina? Vogliamo vedere un altro film stasera? E dopo tutta questa ripetizione, vogliamo davvero fare sesso? Fare l’amore? Anche la masturbazione sembra uno sforzo eccessivo? La piattezza influisce sulla nostra connessione emotiva e questo influisce su tutto il resto.

Illustrazione di Ombretta Tavano

Trovare la nostra strada per tornare all’erotismo

Non importa quanto siano state efficaci le nostre routine, o quanto ci siano persino piaciute, se non sono piene di creatività, inevitabilmente ci lasciano insensibili. La creatività è dove vive l’erotismo. Alimentata dalla curiosità, dall’intuizione e dall’energia dell’immaginazione, la creatività ci invita verso l’ignoto. E l’erotismo è riportare in gioco l’avventura. Si tratta di portare la creatività nelle nostre vite. Quando l’escapismo diventa videogiochi, doom scrolling e social media – attività ripetitive e avvincenti che possiamo fare dalla sicurezza della nostra casa mentre otteniamo la sicurezza di un colpo di dopamina garantito – può essere difficile ricablarci per essere creativi su come sentirsi non da dare per scontati. Ma la libertà nella reclusione viene dall’immaginazione. Proprio come un bambino può immaginare di essere un capitano di mare che naviga in un viaggio oceanico o che una scatola di cartone è un castello, possiamo immaginare che una passeggiata nel quartiere sia un’avventura esplorativa, usando tutti i nostri sensi per viverla. Possiamo immaginare che la nostra cucina, con le luci spente, le candele accese e un delizioso pasto per due, sia un piccolo buco nel muro di un ristorante a Parigi. Questo è il pensiero erotico.

La connessione emotiva richiede nuovi schemi

Provare qualcosa di nuovo, specialmente qualcosa di creativo, è un ottimo modo per avviare una connessione emotiva. Avere un progetto, costruire qualcosa, piantare, guardare i bambini giocare, cucinare o cuocere al forno (soprattutto le ricette dei nostri antenati), apparecchiare la tavola con buone lenzuola e porcellane tanto per cambiare, trasformare il soggiorno in un albergo, mangiare un pezzo di cioccolato come se fosse la prima volta, creare una playlist per qualcuno in particolare….

È la cosa piccola, commovente e sensuale che porta la luce nelle nostre vite in un modo nuovo. E se anche questo ti sembra difficile, inizia da qui: chiudi gli occhi e immagina di sentirti completamente piatto. Cosa stai pensando? Quali altri sentimenti vengono fuori? Come si sente il tuo corpo? Cosa ti fa venire voglia di fare? Ora, capovolgilo. Immagina la sensazione più gioiosa che puoi evocare. Portalo all’estremo. Quali pensieri ispirano quello stato d’animo? Come ci si sente nel tuo corpo? Cosa potresti sentirti motivato a fare? A volte portare con noi questa mentalità di eccitazione pacifica mentre continuiamo nella nostra routine può aiutare a rinfrescarli. E quando saremo pronti a spingerci oltre, la nostra immaginazione aspetterà, pronta.”

Esther Perel

Se sei interessata a lavorare con me, da sola o in coppia, puoi scrivermi per una sessione gratuita a thedaimoncoach@gmail.com, magari anche dopo essere andata a guardare il mio percorso Daimon Sex o aver visitato le altre pagine del mio sito e magari la mia storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: