Shall We Begin?

“Dalla pandemia alla crisi climatica, ai crimini contro l’umanità, al grave burnout e altro, stiamo vivendo traumi collettivi. Il nostro impulso potrebbe essere quello di chiuderci, intorpidirci con le sostanze, disconnetterci, dormire per sempre, sguazzare nel ciclo delle notizie di 24 ore o riempire ogni momento libero con i social media per evitare pensieri e sentimenti difficili. Ma oggi vi invito a provare qualcosa di diverso. Voglio che tu abbracci il tuo io erotico. Potresti pensare che parlare di erotismo in un momento come questo sia arrogante. Ma penso che sia essenziale.

Illustrazione di Giovanni Esposito

Erotismo. Ne parlo spesso, non attraverso la definizione ristretta di sesso che gli ha assegnato la modernità, ma in senso mistico. “L’erotismo ci rivela un altro mondo, dentro questo mondo”, ha scritto Octavio Paz. “I sensi diventano servitori della nostra immaginazione, permettendoci di vedere l’invisibile e sentire l’inudibile.” L’erotismo è un elisir di vitalità, curiosità e spontaneità che ci fa sentire vivi. È la controforza della morte, una radiosità che ci ricorda che, nonostante l’oscurità che possiamo sopportare, siamo qui su questo pianeta proprio ora. E, in ogni momento, siamo al limite di tutto ciò che è possibile, a cavallo tra speranza e ansia.

Illustrazione di Daniela Giarratana

L’erotismo non è solo la forza vitale che rende grande il sesso. L’erotismo è ciò che rende la vita stessa degna di essere vissuta. Quando i tempi sono buoni, l’erotismo è ciò che converte il mondano in magia. Quando i tempi sono duri, l’erotismo è ciò che ci ispira a sopravvivere e persino a prosperare nonostante tutte le probabilità. È per questo che facciamo arte e musica e entriamo nella natura quando soffriamo. Sono le orchestre nei campi di concentramento, i cori nei campi di cotone, l’umorismo nero condiviso dai rifugiati di tutto il mondo. L’erotismo è il blues. Sono sia le lettere del desiderio che la poesia del crepacuore. È la playlist che creiamo per un amico che fa i turni di cimitero in ospedale. L’erotismo è ogni “bambino pandemico” concepito al culmine di una prolungata incertezza, isolamento e dolore. È lo spirito che crea nuova vita quando la morte è sempre presente. L’erotismo è avere fede che il mondo esisterà per i nostri nipoti e trovare modi reali per contribuire a quel risultato, anche se scenari apocalittici sembrano svolgersi intorno a noi.

Illustrazione di Fabio Delvò

Sono stato cresciuta da una madre e un padre che erano ciascuno gli unici sopravvissuti di famiglie che erano state uccise nell’olocausto. Sono cresciuto con storie di resilienza di fronte a avversità estreme e ho passato la mia vita a studiare cosa aiuta le persone a tornare in vita piuttosto che semplicemente a “non essere morte”. Credo che sia l’erotismo, come è stato descritto nello Zohar, da Audre Lorde e da molti altri. Crescendo, ho giocato con gli amici, i figli dei sopravvissuti, le cui case sembravano definite dalla sofferenza, dalla sfiducia e dalla vigilanza. I loro genitori hanno rivestito i mobili di plastica, si sono sentiti più sicuri all’interno e hanno mantenuto i loro circoli piccoli. A casa mia, la tristezza era designata per i rituali delle feste religiose. In tutte le altre occasioni, c’era il divieto di sentimenti tristi in modo quasi opprimente, probabilmente perché i miei genitori temevano di sprofondare nella depressione a causa del dolore insormontabile che avevano sofferto. Desideravo il permesso di provare piacere e dolore, di permettere alla speranza di bilanciare la mia ansia piuttosto che reprimerla. Nell’abbracciare lo studio dell’erotismo vent’anni fa, ho trovato quel permesso.

Illustrazione di Conrad Rosett

Non pensare all’erotismo come a una distrazione edonistica dallo stato del mondo. L’erotismo è la forza vitale che ci tiene collegati al nostro senso di umanità, speranza e piacere, specialmente quando proviamo dolore. Conferma: io esisto. Sono vivo. Ho una famiglia. Ho un nome. Qualcuno mi conosce. Ho la capacità di creare, intrattenere, aiutare, connettermi con gli altri. Anche questa è la realtà del nostro mondo.

Accendiamo l’obiettivo su di te

Illustrazione di Paula Bonet

In tempi di disperazione e dolore, dove hai trovato la speranza?

Allontanati dallo schermo.

Metti i piedi nell’erba e distendi le dita dei piedi.

Ehm, canta, scrivi, piangi.

Esplora la poesia d’amore che è stata scritta durante la guerra, la carestia e la peste.

Gioca con i bambini.

Gioca con gli animali.

Coltiva le piante e osserva ciò che gli piace.

Accenditi notando il calore della tua pelle, il ciclo del tuo respiro, il battito costante del tuo cuore.”

Esther Perel 

Se sei interessata a lavorare con me, da sola o in coppia, puoi scrivermi per una sessione gratuita a thedaimoncoach@gmail.com, magari anche dopo essere andata a guardare il mio percorso Daimon Sex o aver visitato le altre pagine del mio sito e magari la mia storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: